Campos bissa il successo della Spagna e vince il Portalegre

Il connubio Bmw/Mini porta bene al portoghese Felipe Campos che dopo essersi accaparrato la vittoria alla Baja d’Aragon a luglio, al volante di una Bmw X3 del team X Raid adesso conquista anche una delle prove di casa, la Baja Portalegre 500. Il connubio Bmw/Mini porta bene al portoghese Felipe Campos che dopo essersi accaparrato la vittoria alla Baja d’Aragon … Continua a leggere

Al via la Baja Portalegre 500, in Portogallo

Comincia oggi con il prologo l’ultimo episodio della Coppa del Mondo FIA Tout Terrain, in Portogallo, con una delle gare classiche di fine anno: la Baja Portalegre 500. Si deciderà qui il titolo perchè Schlesser grazie alla vittoria in Egitto si è avvicinato pericolosamente alla vetta della classifica e quindi il russo Leonid Novitskiy si è visto costretto ad andare … Continua a leggere

La prima di Czachor a un solo secondo da Jakub

Vincere con un solo secondo di vantaggio non succede spesso. Di farlo poi, al termine di una speciale di 219 chilometri, in Africa, succede ancora più raramente. Di farlo poi sul tuo compagno di squadra, quanto meno, è una cosa buffa. Vincere con un solo secondo di vantaggio non succede spesso. Di farlo poi, al termine di una speciale di 219 chilometri, in … Continua a leggere

Che nave lenta !!

Se per noi che siamo rientrati in aereo il rally in Russia, il Silk Way è finito già domenica sera – ritardo del charter Aso a parte – per coloro – poveretti, è proprio il caso di dirlo – che sono rientrati via terra l’odissea è stata lunga. Ad oggi alcuni di loro devono ancora arrivare a casa !! I … Continua a leggere

Il cirillico…indecifrabile !

Uno dei principali vincoli della Russia è la lingua. Per una chiara scelta governativa e quindi direi politica, in Russia sempre meno persone parlano una seconda lingua e di conseguenza comunicare è difficilissimo. Nell’albergo a cinque stelle in cui siamo stati per esempio, tutti parlavano perfettamente l’inglese, da chi ti portava in camera il bagaglio agli addetti alla reception – … Continua a leggere

Le altre posizioni in classifica

Oltre alle prime tre Volkswagen sono arrivate al termine della seconda edizione del silk Way Rally altre 26 vetture, per un totale dunque al traguardo di 29 vetture su 43 partite da San Pietroburgo. La quarta posizione per quanto riguarda le vetture è andata al buggy di Matthias Khale proprio quello stesso che l’organizzazione aveva dichiarato ritirato nei suoi comunicati … Continua a leggere

Non si finisce mai..

L’avevo appena finito di dire. Questa gara non dinisce di meravigliarci, e difatti…Stasera la premiazione si è svolta in due sale diverse. In una era ospiti i piloti, ed era la sala della premiazione, nell’altra tutti gli altri…peones potremmo dire, e cioè i meccanici, che nessuno si fila mai più di tanto, l’organizzazione e i giornalisti. Ero con Carlos Sainz … Continua a leggere

Tripletta Volkswagen e tripletta Kamaz

Finisce così la seconda edizione del Silk Way Rally, con una tripletta della Volkswagen, con in testa Carlos Sainz per la cateoria auto, e una tripletta Kamaz, con davanti a tutti la nuova leva Eduard Nikolaev. Sulle rive di un fiume, in uno scenario di incanto a ricordarci quanti paesaggi bellissimi ci ha regalato in questi giorni la Russia, si è … Continua a leggere

Curiosità dell’ultimo giorno

Quale poteva essere l’ultima, ennesima, contraddizione di questa gara? Anche se dire ultima è prematuro perchè comunque mancano ancora un paio di cose alla conclusione dell’avventura Silk Way Rally. Bene ecco l’ultima chicca ! Il rally si chiama San Pietroburgo – Sochi, giusto? Quindi l’arrivo era, oppure doveva essere a Sochi, giusto? Bè, noi Sochi non l’abbiamo neanche vista, nè attraversata, … Continua a leggere

Penultima giornata

La connessione oggi è un po’ ballerina e quindi chissà quanto riuscirò a stare in linea per raccontare questa giornata, la penultima del Silk Way Rally. Una giornata strana, come solo la Russia sa regalare, con la strada dell’assistenza sbarrata e tutti a cercare un’alternativa prima di scoprire, dopo 40 km di gira e rigira, che si poteva passare lo … Continua a leggere