Bordone Ferrari, il brusco risveglio da un sogno. Che succederà ora?

bordone ferrari, maxi sequestro alla bordone ferrari, che succede a bordone Ferrari, enduro in italia, bordone ferrari enduro, squadra bordone ferrari nei rally, alessandro botturi, jordi viladoms, maxi sequestro alla bordone ferrariLa domanda sorge spontanea visti i recenti sviluppi, soprattutto nell’ambito enduro. Il pignoramento ed il sequestro di tutto il materiale del team Bordone Ferrari è avvenuto al rientro dal Marocco, dopo la gara di metà ottobre e la sorpresa è stata totale. Il mondo dell’enduro è ancora sotto choc per quanto avvenuto, e questo non giova di certo ad un ambiente che già non attraversa un periodo facile.

27 moto, e poi furgoni e camion. Questo il ‘bottino’ risultato dalla maxi confisca avvenuta nei capannoni milanesi del Bordone Ferrari. L’ufficiale giudiziario li ha aspettati al varco ed appena rientrati dal Marocco, due martedì fa, gli uomini del team si sono trovati davanti gli agenti incaricati del maxi sequestro. Giusto il tempo di aprire i cancelli, di portare dentro i mezzi e l’ufficiale è arrivato, mentre si stavano lavando i furgoni.

Tutte le moto presenti, da enduro, sono state bloccate ed ora il materiale verrà utilizzato per ripagare i tantissimi debiti che il team aveva accumulato con moltissimi fornitori. Si sono salvate le uniche moto da rally – quelle che esistono in realtà, perchè pare che le 4 moto previste per la Dakar non siano neanche state ultimate – e sono scampate al sequestro perchè si trovano in Spagna, a casa del capo meccanico Fernando. Altre moto invece sono ancora in Africa, impegnate in una gara. Tutti gli altri mezzi ora, però, sono nelle mani della giustizia che facilmente dovrebbe metterli all’asta per recuperare tutti i soldi che andranno poi a saldare i conti in sospeso di davvero troppe persone.

Restano a piedi così non solo i piloti, ma anche i meccanici che avevano creduto in questo progetto e vi si erano dedicati anima e cuore, così come appunto i piloti stessi. Molti di loro non hanno ancora incassato lo stipendio, e sembra che la cosa veramente vada già avanti da qualche mese, e non si sa bene cosa ne sarà di loro adesso che la Bordone Ferrari ha chiuso i battenti.

Il dubbio resta per i rally. Cosa faranno ora Alessandro Botturi e Jordi Viladoms? Parlo di lorobordone ferrari,maxi sequestro alla bordone ferrari,che succede a bordone ferrari,enduro in italia,bordone ferrari enduro,squadra bordone ferrari nei rally,alessandro botturi,jordi viladoms due perchè Paolo Ceci e Gerard Farres sembrano essere già fuori dal team. Dopo il rally in Marocco i piloti sono rimasti giù in Africa e stanno affrontando la gara di Merzouga, organizzata da Edo Mossi ma al loro rientro bisognerà prendere una decisione per la Dakar, per capire chi ci andrà. Con i francesi della ASO infatti, non si scherza…se vuoi partecipare devi pagare tutto, in anticipio, altrimenti a Lima non ci arrivi.

 ua-35994814-1

Bordone Ferrari, il brusco risveglio da un sogno. Che succederà ora?ultima modifica: 2012-11-03T19:38:00+01:00da elicara
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Bordone Ferrari, il brusco risveglio da un sogno. Che succederà ora?

Lascia un commento