Hungarian Baja: di nuovo Gadasin e per la prima volta Casteu

hungarian baja,baya of hungary,baja d'ungheria,la baja in ungheria,baja ungheria 2012,gadasin vinc ela baja in ungheria,al mutaiwei su mini alla baja d'ungheria,quinta tappa della coppa del mondo fia,rallyes tout terrain,fuoristradaSi è corsa in questo week end la Baja d’Ungheria, valida per la Coppa del Mondo – quinta tappa – FIA Tout Terrain. Il grosso degli equipaggi era composto da ungheresi, rumeni, cechi, e russi, oltre a due italiani. In mezzo a loro spiccava Khalifa Al Mutawei che con la sua Bmw punta al titolo 2012 e  Jean Louis Schlesser a cui la trasferta non è andata troppo bene.

Moto, quad e auto hanno dato vita in questo week end appena passato alla Hungarian _MG_0156.jpgBaja 2012. Nelle moto la vittoria è andata a David Casteu in sella alla Yamaha numero 203 che ha primeggiato sullo spagnolo Oriol Escale, secondo su Honda e sull’olandese Brussellers. Quarto il nostro Alex Zanotti, su TM Racing Baja (nella foto AP Photosport)che ha chiuso davanti a Manuel Lucchese, su Husaberg, quinto.  

Nelle auto nuovamente quest’anno, la vittoria è andata al russo Boris Gadasin che sta facendo incetta dopo il successo al Silk Way Rally e le buone prestazioni nelle altre prove di Coppa del Mondo FIA. Alle sue spalle troviamo due ungheresi: in seconda posizione c’è Karoly Fazekas su Bmw mentre in terza troviamo il più noto Miroslav Zapletav, su H3Evo. Per trovare un altro nome noto al pubblico FIA bisogna arrivare alla 7. posizione_MG_3449.jpg appunto che è quella di Al Mutaiwei su Mini che nel secondo giorno di gara – nell’ultima speciale – si è schiantato contro un albero ma è riuscito comunque a continuare e a raggiungere il traguardo. Contenendo i distacchi è arrivato settimo, con meno di 18 minuti dal primo a fine gara ed ora guida la classifica di Coppa del Mondo.

C’era anche il team italiano RalliArt al via in Ungheria e Renato Rickler è riuscito a piazzare il suo equipaggio, Borsoi-Rossi su Mitsubishi Pajero T2. Presente in Ungheria anche il duo Trivini Bellini che ha chiuso decimo, sempre su Mitsubishi. Jean Louis Schlesser era presente alla gara ma non con un suo buggy (strano visto che ambisce al titolo FIA) bensì con la Oscar. Ricordate? La vettura elettrica che era alla Dakar e proveniente da una famiglia di ingegneri lettoni. Schless (che nel frattempo è diventato lussemburghese) non è andato oltre la ventesima piazza – non so se con la vettura elettrica o con l’altra motorizzata Nissan – ma notizie più dettagliate non se ne hanno. Il sito ufficiale della gara è praticamente inesistente e l’unica cosa che si riesce ad estrarne sono le classifiche, altro non c’è…

Hungarian Baja: di nuovo Gadasin e per la prima volta Casteuultima modifica: 2012-08-27T11:19:00+02:00da elicara
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento