Mototerapia con i Daboot

Ieri pomeriggio Gorle ha vissuto attimi di grande emozione. I ragazzi della Daboot hanno portato nelDSCN8610.JPG bergamasco la loro Mototerapia, estesa ai ragazzi di diversi centri assistenza della provincia e l’atmosfera è stata magica ! Uno spettacolo emozionante sia per le acrobazie dei Daboot capitanati da Vanni Oddera, sia per i giri in moto che hanno poi offerto ai tantissimi ragazzi presenti.

E’ stato bello, anzi bellissimo, e credo anche indimenticabile per i tanti ragazzi che hannoDSCN8594.JPG partecipato. E’ la stata la dimostrazione che con le moto si può fare anche terapia e non solo rumore come qualcuno ha lamentato a Gorle sabato scorso, tanto da aver istigato l’Amministrazione Comunale contro la manifestazione che ormai da 9 anni fa conoscere Gorle in tutta Italia e anche in tutto il mondo.

DSCN8642.JPGIeri pomeriggio la Daboot ha organizzato uno spettacolo privato, tutto dedicato ai centri assistenza, alcuni dei quali gestiti dalla Croce Rossa Italiana, sotto il sole cocente e nel caldo torrido del campo sportivo, e poi ogni pilota si è reso disponibile per portare in giro su moto e quad i tanti presenti. All’inizio c’era un po’ di paura, specie dopo aver assistito ai salti e alle acrobazie sulle rampe, ma poi piano piano i più coraggiosi si sono arrischiati ed avvinghiati ai piloti hanno compiuto i primi giri sulla pista d’atletica che abbraccia il bel campo sportivo.

Pochi giri hanno regalato tantissima felicità ai presenti e gli Alpini, oltre al Moto Club Chieve hanno aiutato i tanti ragazzi a salire e scendere dai mezzi.

Hanno partecipato il Gruppo Noialtri della Val Seriana, il Centro di Rieducazione Psicomotoria Croce Rossa Italiana di Albino, la Cooperativa Namastè di Cenate, con la collaborazione della Croce Rossa di Scanzorosciate e Alzano Lombardo.

Un’ora vissuta intensamente, fraDSCN8627.JPG emozioni e tanta commozione. Due qualità uniche che solo la grande Festa di Gorle sa offrire. 

Mototerapia con i Dabootultima modifica: 2012-08-23T15:13:00+02:00da elicara
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento