Desafio Litoral: vincono Depres e Terranova

mapa-recorrido1.jpgLa prima edizione del Desafio si è corsa nei giorni scorsi in Argentina. Organizzata con la collaborazione della ASO la gara ha preso il posto del Silk Way Rally tramutandosi in una Dakar Series, quel famoso calendario che da quando è nato conta una sola gara, oltre alla Dakar stessa.

Valida come seconda prova del Campionato Argentino di Rally Cross Country, il Desafio vedeva alla partenza moto, quad, camion e vetture e fra queste anche la Mini All 4 Racing di Nani Roma al quale si opponeva l’argentino Orlando Terranova che nel suo balletto da un team all’altro questa volta sceglieva di ritornare ai vecchie amori e di correre con X Raid, guidando una Bmw.

Nelle moto invece spiccavano i nomi di Cyril Despres, Chaleco Lopez, Jakub Przyigonski e addirittura Teddy Blazusiak (sua prima esperienza del genere, nel ruolo di port’acqua di Cyril) ed altri piloti sudamericani molto conosciuti. La gara ha preso il via da Puerto Iguazu il 22 luglio e si è conclusa a Resistencia il 28 luglio dopo circa 3500 chilometri di percorso.

Inizialmente la gara doveva interessare Argentina e Paraguay ma ad inizio luglio si è ritenuto più prudente cambiare percorso e lasciare fuori il Paraguay per questa volta dalla rotta del percorso. Così la gara è passata attraverso Posadas, Bella Vista, Corrientes e Resistencia, per un totale di 5454 chilometri di cui 1840 di prove speciali.

1.jpg104 i partecipanti alla prima edizione della gara che è partita, simbolicamente, da una delle sette meraviglie del mondo: le cascate di Iguazu. Giorno dopo giorno, compresa una tappa, la terza, annullata per la nebbia che non ha permesso all’elicottero di decollare, i piloti si sono trovati davanti davvero di tutto, sia come percorso che come temperature e clima.

Chaleco è stato costretto al ritiro con la sua Ktm nella notte fra la quarta e la quinta tappa: la sua moto si era spenta e il cileno era arrivato in forte ritardo al bivacco. Per questo ha preferito non partire la mattina dopo per non prendere troppi rischi avendo una posizione più arretrata che si sarebbe tradotta in un sacco di polvere, e di pericoli, sul percorso. A quel punto Cyril Despres si è trovato la strada sgombrata verso il successo – pur avendo rotto un pneumatico nella quinta tappa a 60 km dal traguardo, sostituito grazie a Teddy che gli ha dato la sua ruota – e ha vinto con un vantaggio sul secondo, il pilota polacco Ktm, Kuba di 4’45” e sul terzo, Mauricio Gomez di 1h.03′.15″ . Trenta i piloti moto al traguardo.

Fra le auto successo di Terranova su Bmw di 26 minuti su Nani- Mini – e 1h.39′ su Boris Garefulic, pilota già visto alla Dakar, in gara sempre con una Bmw. 18 auto in tutto a fine gara.

Le altre classifiche, quad, utv e camion sono andate ad equipaggi locali. 

Desafio Litoral: vincono Depres e Terranovaultima modifica: 2012-08-01T16:35:01+02:00da elicara
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento