Baja d’Aragon, c’è chi corre in auto e chi in camion

Delle moto abbiamo già parlato e quindi ora passiamo a dedicarci di auto e camion visto che è in queste due categorie che abbiamo il maggior numero di partecipanti.baja d'aragon,baja spain,baja espana,bmw x raid,mini all 4 racing,jean louis schlesser,stephane peterhansel,peterhansel alla baja d'aragon,al mutaiwei, silvio totani, RalliArt Italia,

Innanzitutto i famosi ‘coches’, e cioè le vetture che alle 17,45 oggi hanno lasciato il parco chiuso per andare a correre al prologo di 5,39 chilometri allestito ad Alcaniz al complesso sportivo di Motorland – un vero e proprio circuito – che prenderà il via dalla parte dedicata all’autocross.

65 vetture e 16 camion sono gli iscritti alla prova che vede davanti a tutti Jean Louis Schlesser ancora in via di guarigione dopo l’operazione subita alla mano sinistra a seguito dell’incidente nel secondo giorno del Silk Way. Alle spalle del francese (numero 2) c’è Khalifa Al Mutaiwei, l’arabo in forze quest’anno alla X Raid che corre al volante di una Mini All 4 Racing, così come il compagno di squadra, anch’egli presente in Spagna, Stephane Peterhansel (numero 4) che potrebbe essere venuto a questa gara non solo per allenarsi ma anche per dare una mano a Khalifa che si sta giocando la Coppa del Mondo (che qui in Spagna vive il quarto appuntamento dell’anno).

Compiendo un vero e proprio miracolo sono al via anche Boris Gadasin fresco vincitore del Silk Way Rally, e gli stessi Zapletal e Vasilyev, entrambi in Russia per la competizione conclusasi la settimana scorsa. I meccanici hanno coperto 10 mila chilometri in circa 6 giorni (il SWR è finito il 12 luglio, ma loro non si sono mossi fino al 13) per essere al via della prova spagnola, così importante per la classifica di Coppa del Mondo FIA.

20120717123931.jpgGli italiani al via nell’ordine sono : Silvio e Tito Totani che hanno sostituito Riccardo Colombo – colpito da un lutto in famiglia – alla guida del Mitsubishi L 200 del team di Renato Rickler, i fratelli Salvi, sempre su Mitsu, Maurizio Traglio su Nissan, Valentino Bombelli su Mitsubishi, Giovanni Manfrinato su Renault Proto, l’immancabile Paolo Mora, quindi Alessandro Trivini, Roberto Camporese, Franco Grigoletto ed Elvis Borsoi, sempre nelle fila del team RalliArt. Ci sarà anche Pierpaolo Larini al via conbaja d'aragon,baja spain,baja espana,bmw x raid,mini all 4 racing,jean louis schlesser,stephane peterhansel,peterhansel alla baja d'aragon,al mutaiwei l’ormai popolare T3 Light. 

Fra i camion abbiamo il debutto di Alex Caffi (numero 554), al volante di un Mercedes Unimog – alleggerito e trasformato – dell’Orobica Raid, insieme a Giulio Verzelletti : partono alle spalle di Elisabeta Jacinto (551) che corre con ilMAN 2012 version.JPG suo consueto Man.  

Stamattina però le autorità di Saragozza hanno annunciato che questa edizione della Baja potrebbe essere l’ultima visto che la crisi attanaglia quel Paese non meno dell’Italia. Inoltre l’abbassarsi continuo del numero di concorrenti non aiuta certo una competizione che negli anni Ottanta richiamava al via più di 500 equipaggi.

Baja d’Aragon, c’è chi corre in auto e chi in camionultima modifica: 2012-07-20T19:31:52+02:00da elicara
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento