La Dakar 2013 si presenta a Milano

Nella sede della Bordone Ferrari a Milano, in Viale Forlanini, si è svelata la Dakar 2013, percorso, novità di regolamento, piccole notizie per tante persone, dakar 2013,presentazione milano dakar 2013,la conferenza stampa italiana della dakar 2013,bordone ferrari,jvd e aso,xavier gavory,percorso dakar 2013,presentata la dakar 2013,novità regolamento dakar 2013confluite a Milano più per un saluto e una specie di raduno di amici che per saperne veramente di più.

 

Tutto questo perchè alla presentazione di Milano di grosse novità non ce n’erano da raccontare. Nè il direttore generale della Dakar, Etienne Lavigne, nè David Castera – direttore sportivo e disegnatore del percorso – hanno trovato il tempo per venire a Milano alla presentazione per tutti gli italiani appassionati e anche frequentatori della gara più famosa del mondo (a detta dei più). Bordone Ferrari ha volentieri ospitato la presentazione, coordinata dalla JVD, in particolare da Daniele Cotto e Federica Bocco, corrispondenti della Dakar in Italia, offrendodakar 2013,presentazione milano dakar 2013,la conferenza stampa italiana della dakar 2013,bordone ferrari,jvd e aso,xavier gavory,percorso dakar 2013,presentata la dakar 2013,novità regolamento dakar 2013 alla fine un cocktail ed una cena per gli amici.

Così dopo gli appuntamenti precedenti di Perù, Cile, Argentina, Polonia ed Olanda (ieri), in Italia ASO ha mandato Xavier Gavory, approdato in Aso a fine 2011, proveniente dalla pista, praticamente sconosciuto al mondo del 4×4 e del fuoristrada così come lo stesso mondo è sconosciuto a lui. Ufficialmente la sua mansione è : “Head of Competitors’ Department” cioè capo del dipartimento concorrenti, per dirla chiara il capo di Nelly che invece tutti conosciamo da anni su anni e che è ormai rimasta per moltissimi affezionati clienti della Dakar l’unico punto di riferimento, essendo anche una delle pochissime sopravvissute (per fortuna, almeno lei !) all’opera di rinnovamento e pulitura messa in atto dalla società ormai da diversi anni.

cartina dakar 2013.jpgIl percorso della Dakar è ormai ben noto, addirittura con mesi e mesi di anticipo, visto che in Sud America le cose in segreto non si riescono a fare. La gara partirà il 5 gennaio da Lima, in Perù e ripercorrà al contrario le stesse tappe del 2012 – ho detto tappe, non percorso – con una sosta a Pisco, una tappa ad anello con partenzaDSC_3935.JPG ed arrivo sempre da Pisco – Nasca e Arequipa. Da qui si entrerà in Cile, il 10 gennaio, attraverso Arica e la tappona Arica-Calama sarà forse una delle più lunghe. Da Calama si entrerà in Argentina per percorrere in parte le tappe del 2011 con una unica new entry, che appartiene alla provincia di Salta (la città sede di tappa non è ancora certa). Da Salta si scende a San Miguel de Tucuman, dove sarà allestita ed ospitata anche la giornata di riposo, il 13 gennaio, e poi si raggiunge Cordoba, quindi Fiambalà e infine San Juan, probabilmente in ordine inverso.

Si rientra in Cile raggiungendo il 17 gennaio Copiapo, da cui si ripartirà in direzione della Serena attraversata dalla gara nella prima edizione del 2009. L’ultima tappa, il 19 gennaio, porterà la gara a Santiago del Cile, punto di arrivo della 35. edizione della gara.

Se questo è il percorso, abbastanza scontato ed atteso, ci sono invece varie novità nei regolamenti di moto, auto e camion, anche se al momento ci sono solo alcuni spunti in attesa che il regolamento definitivo venga presentato a luglio. Le uniche cose che ASO ha lasciato trapelare riguardano le velocità massime, limitate a 140 km/h per i camion e 170 Km/h per le auto; motori di serie e poi turbo, biturbo e dimensioni delle bride, per motori benzina e turbo, classe Elite per i piloti moto e obbligo di utilizzo delle stesse gomme per tutti i piloti rientranti in questa classe(Projet Règlement Technique Dakar 2013 version du 11 Avril 2012x.pdf) come potete vedere sul file allegato che contiene alcuni dei punti del progetto.  

La Dakar 2013 si presenta a Milanoultima modifica: 2012-05-06T18:01:29+02:00da elicara
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “La Dakar 2013 si presenta a Milano

  1. Ciao Betti, devo correggerti su Xavier Gavory, per dovere di cronaca.
    E’ arrivato in ASO nel 2011 è vero, ma da Eurosport, in cui aveva già partecipato a parecchi progetti inerenti ai rally (per esempio ai vari rally mediorientali come il Rally di Cipro, l’agente della marina Shipping di Venezia, Matteo Rossi, che si occupa del trasporto dei veicoli del Pharaons in Egitto, se lo ricorda bene).
    Xavier è una persona molto scrupolosa e competente, credo che ci sia stata semplicemente una ripartizione degli incarichi in ASO, alcuni fanno certe cose, altri ne fanno altre.
    Noi siamo in comunicazione veramente quotidiana con Xavier e Benoit, anche per l’organizzazione del Dakar Challenge al prossimo Pharaons, per cui in ASO forse hanno ritenuto la cosa più logica che venissero loro a presentare in Italia.
    Comunque sono persone veramente preparate e competenti, il loro successo non è casuale.
    Complimenti per il tuo blog, pungente ed attento, come chi lo gestisce.
    Daniele

Lascia un commento