Maurizio Dominella, novello team manager, racconta che….

Dopo aver letto il mio post sulla Tecnosport e la Pandakar insieme alla Dakar 2012, Maurizio Dominella mi ha chiesto se poteva scrivere una cosa sulla sua esperienza. E così ha fatto…

Proprio non pensavo!

 

Dopo averne fatte 19 con quasi tutti i mezzi (ahime’ meno la moto “la mia

vera  passione” (ma sono già quasi in parola con Tonetti padre – Checco – per provarci insieme), e con quasi tutti i piloti di lingue diverse, mi e’ stata offerta

l’opportunità dalla Tecnosport di fare il team manager alla Dakar 2012.

Wow – ho pensato – una passeggiata!!

E invece no, al punto da dire che come navigatore si fa’ meno fatica.

Innanzitutto la preparazione di ogni dettaglio, mezzi, equipaggi, biglietti aerei, alberghi, avrebbe dovuto farmi capire qualche cosa, o perlomeno aprirmi gli occhi ed invece solo una volta lì ho capito veramente!!

A cominciare dalle verifiche. Affrontare le operazioni preliminari con 20 persone in squadra e tutti con esigenze diverse non e’ una passeggiata di salute, ma la gara, la gara e’ un’altra cosa. Sono stato in apprensione per l’arrivo delle macchine al bivacco, o a fine speciale, più di quanto non sia mai stato quando miodakar 2012,tecnosport,maurizio dominella,giulio verzeletti,pandakar figlio usciva le prime volte alla sera. E poi i meccanici – ne avevo sei con me – anche loro con esigenze diverse ma sempre pronti – splendidi direi – a ‘buttarsi addosso’ alle macchine quando arrivavano al bivacco, a volte alle 5 di mattina, e pronti per farle ripartire alle 7. E il pensiero fisso era: avranno mangiato? avranno  dormito? domani devono anche guidare!

dakar 2012,tecnosport,maurizio dominella,giulio verzeletti,pandakarE poi la delusione dei due ritiri sfortunati, quello di Maurizio Traglio e di Didier Vacher. E gli amici di Pandakar – scanzonati e casinisti – ai quali dare una mano nei momenti di difficoltà e qui, davvero, devo dire un grazie gigante a Giulio

Verzeletti, Antonio Cabini, Valentino Bombelli che hanno fatto da ‘mamma chioccia’

al nostro Bowler dell’inossidabile Berezowski (soprannominato : “ti spiezzo in due”).

A consuntivo direi che e’ una bellissima esperienza ma, credetemi, è molto meglio

correre!!!!!

Maurizio Dominella, novello team manager, racconta che….ultima modifica: 2012-01-28T16:55:39+01:00da elicara
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento