Chi si ritira e perchè

Giornata dura ieri per moltissimi piloti che cominciano a sentire la stanchezza, non solo fisica ma anche mentale. E dura anche per i mezzi che patiscono e soffrono fino ad arrivare in condizioni difficili a fine giornata.

Le sorprese non mancano mai in questa Dakar, comprese le esclusioni trasmesse all’ultimo istante. Faccio un esempio per spiegarmi meglio. Ieri mattina, al momento di ripartire da Antofagasta per Iquique ben otto, dico otto, equipaggi sono stati avvisati, pochi minuti prima della loro partenza che erano esclusi dalla gara. La direzione della competizione ha rilevato che questi equipaggi non avevano effettuato tutti i WPT della tappa Copiapo-Copiapo e così venivano messi fuori gara. Praticamente tre giorni dopo. I piloti erano già in tuta ignifuga e stavano indossando i caschi per partire dopo cche la sera prima era stato consegnato loro il road book e nessuno li aveva avvisati di nulla.

Inutile recriminare. Se ti mettono fuori sei fuori.

E la via crucis ieri è proseguita. Per Ales Loprais per primo che ha subito un incidente spaventoso. Il suo Tatra si è capotato in avanti, per tre volte in un tratto di trasferimento. Il Tatra era uscito dal primo tratto lungo di speciale e stava percorrendo, a velocità controllata, la parte di percorso in asfalto che era stata neutralizzata fra le due speciali. Visto che Ales soffre un po’ alla schiena ha ceduto il volante al suo meccanico e si è seduto affianco. Siccome erano appena partiti non aveva allacciato le cinture. Il meccanico purtroppo, aveva lavorato sul camion fino alle cinque di mattina quindi non aveva neanche due ore di sonno sulle spalle. Dopo 15 chilometri ha ceduto al sonno ed è sceso dalla carreggiata che in quel punto era molto alta. Si è capotato in avanti e il camion è praticamente da buttare via. Dell’equipaggio sappiamo poco o nulla – visto che qui le notizie sugli incidenti ce le danno con i contagocce – ma per lo meno ci dicono che non sono gravi. Spero di avere notizie più certe ed accurate oggi pomeriggio.

Esce di scena intanto anche Nasser Al Attiyah. O perlomeno così crediamo. Per l’ennesima volta il qatariano ha avuto un problema di alternatore. Ha cambiato ben tre cinghie e si sono sempre rotte. Alla fine i problemi elettrici hanno prevalso e lui è rimasto fermo in speciale ad aspettare il suo camion assistenza.    

Chi si ritira e perchèultima modifica: 2012-01-11T12:57:47+01:00da elicara
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento