Risveglio lento…

dakar 2012,mar del plata,argentina,parrtenza dakar 2012Transenne ovunque, e una città bloccata in tutta la sua zona marina. Questa è oggi Mar del Plata, senza il suo consueto traffico. La prima volta che la Dakar partì da Buenos Aires quello che maggiormente impressionò la popolazione fu il fatto di vedere la capitale senza traffico. Le strade vuote, pulite, senza alcun rumore e molti ragazzi si divertivano a sdraiarsi in mezzo alla strada, provando sensazioni sconosciute prima di allora. La cosa si ripete oggi a Mar del Plata.

La città si è svegliata lentamente stamattina e alle 7 le strade erano deserte, come forse qui devono essere, in un sabato festivo che si prepara a salutare la fine dell’anno. Ed anche il grande villaggio della Dakar dakar 2012cominciava lentamente a prendere vita, sotto un sole limpido in una giornata – che come mi diceva il tassista – si preannuncia bellissima e con una temperatura massima di 30 gradi. In effetti è la prima giornata di vero sole limpido e di cielo azzurro che abbiamo da quando siamo qui e non poteva essere meglio visto che oggi ci sarà la gran parata per le vie del centro con il passaggio sul podio allestito in Plaza Colon.

Quando la città si sarà svegliata del tutto si accorgerà di quello che l’aspetta sotto il punto di vista della circolazione. Tutto il lungomare è stato completamente transennato, nella notte, e la paralisi arriverà credo, intorno a mezzogiorno. Già ora non è facile far capire che la strada di maggior scorrimento è totalmente chiusa al traffico ed in alcune zone si fa fatica a passare anche a piedi – grazie come sempre agli zelanti poliziotti che non sanno bene chi e perchè far passare – compreso chi semplicemente sta cercando di andare in spiaggia. Dalle 15 i mezzi usciranno dal parco chiuso per raggiungere Plaza Colon attraversando tutto il lungomare e c’è curiosità intorno alla partecipazione del pubblico. Fino ad ora la gente di Mar del Plata ha preferito starsene in spiaggia piuttosto che vedere il villaggio Dakar e chissà cosa farà oggi, dalle 15, alle 22, orari previsti per la sfilata e il passaggio sul podio.

Stamattina intanto le verifiche per i top team sono cominciate puntualmente alle 7,30. Le Bmw conDSC_3605.JPG una corte lunghissima di circa 100 persone ha occupato pacificamente tutta la zona delle amministrative, mentre Nasser al Attiyah insieme a Lucas Cruz se ne stava tranquillamente per conto suo, con due persone che gli davano una mano, come se non fosse neanche colui che ha DSC_3606.JPGvinto la Dakar lo scorso anno. Bmw, Hummer, Overdrive con le sue Toyota hanno verificato e poco più tardi nel parco attesa in cui si parcheggiano i mezzi intanto che si terminano le formalità amministrative, prima di entrare alle tecniche, sono arrivati anche Marc Coma, Pedrero, Despres, FariaDSC_3611.JPG. Quest’ultimi due sono arrivati slalomando fra i Ginaf che con un perfetto colpo d’occhio, come aveva fatto prima la squadra Bmw, sono arrivati tutti insieme. Una lunga sfilata di bisonti, lungo la banchina, davanti alle navi scuola che ci hanno fatto compagnia in questi giorni. Entro le 11 tutti loro, compreso l’equipaggio del nostro Claudio Bellina – l’unico italiano all’interno dei top team che hanno verificato oggi – insieme ad Alessandro Perico, e Giulio Minelli – in arte ‘Topo’, dovranno aver finito per prepararsi e raggiungere poi il briefing che si terrà alle 13,30 – le 17,30 in Italia – all’auditorium in centro città.

DSC_3623.JPGUna volta terminato con le navette tutti verranno riportati verso il parco chiuso da cui molto lentamente usciranno tutti i mezzi per montare sul palco. Uno scherzetto che durerà circa 7 ore, con buona pace del traffico locale.

Risveglio lento…ultima modifica: 2011-12-31T14:09:38+01:00da elicara
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento