Dakar 2012: cominciano le danze !

Una soleggiata e caldissima Mar del Plata accoglie per la prima volta la fase iniziale della Dakar. dakar 2012Si tratta della 4. edizione in Sud America, la 33esima in assoluto. E come ogni prima volta che si rispetti c’è un po’ di confusione e soprattutto la logistica è un po’ complicata visto, per esempio, che tutto il centro logistico sta alla base navale e la sala stampa a 2 km, in centro città. Ma piano piano cominciamo a raccapezzarci e a capire un po’ il tutto… 

Sono talmente già tante le cose da raccontare che non si sa bene da dove cominciare. Ieri il recupero dei mezzi, lento e lunghissimo, a Lima (non quella in Perù, ovvio !!) a pochi chilometri daDSCN7070.JPG Zarate, al Delta Dock, dove siamo arrivati in diversi con il taxi, direttamente dall’aeroporto di Buenos Aires. Da quel momento è cominciato il lungo trasferimento, circa 600 chilometri fino a Mar del Plata che abbiamo raggiunto intorno alle 20,30 di sera. Una strada lunga e trafficata, con diversi radar e tanti controlli di polizia e per questo la discesa verso il mare, più a sud di Buenos Aires, ha richiesto diverse ore.

Mar del Plata è una città grandissima, sorprendente. All’entrata sembra Cordova, piena di fabbriche, negozi e centri commerciali, non certo bellissima. Poi si arriva in riva al mare e lì tutto spiaggia mar del plata.jpgcambia. La spiaggia sembra quella dei nostri litorali negli anni Settanta, con piccoli gazebo a righe, e tante cabine, tutte in ordine a pochi passi dal mare dove l’acqua è freddissima ma accogliente. Gli alberghi sono tanti grattacieli che si affacciano sul lungomare e il villaggio della Dakar è spaventoso. Sistemati alla Base Navale, fra velieri e sommergibili, è enorme e davvero incredibile. Tensostrutture, container, un lunghissimodakar 2012, mar del plata, verifiche dakar 2012 paddock per ospitare tutti i mezzi, fra il museo storico navale e il museo dei sommergibili. Quello che si fa, principalmente, è camminare, ma serve per salutare e ritrovare tutti i partecipanti, molti dei quali sono appena arrivati a stanno smaltendo il jet lag e soprattutto la differenza di temperatura che qui è davvero elevata. 

Le squadre sono tutte al lavoro, da Pandakar al gran completo, a Tecnosport che aspetta patron Traglio per oggi pomeriggio, dalla Bordone Ferrari che sta cercando di sistemarsi al meglio, all’Aprilia che ha qualche problemino logistico. Edo Mossi è al lavoro sulla sua Toyota su cui correrà da solo e Norby Calgani insieme a Marco Piana assiste i meccanici che dakar 2012, verifiche, paddock mar del plata, mar del plata, ginaf, claudio bellina, alessandro pericostanno lavorando sul suo quad. Le verifiche sono cominciate stamattina prestissimo ed andranno avanti chissà fino a che ora. Miki Biasion e Giorgio Albiero sono con De Rooy, sistemano un po’ di cose sul camion e la stessa cosa fanno Claudio Bellina e gli altri suoi alfieri, Topo e Perico, alla postazione Ginaf.

E poi c’è la nuova Volvo su cui stanno lavorando i meccanici mentre Alfie Cox, colui che la pilota, è in giro per il paddock, in particolare da Ktm a chiacchierare con i meccanici. La vettura sembra bella, ma al momentovolvo alla dakar 2012, dakar 2012, non è facile capirlo, sotto il gazebo. E poi c’è la Gas Gas con le sue moto nuove fiammanti, belle da vedere così rosse e sul camion che lavora insieme agli altri c’è la grande Laia Sanz, sorridente e in forma, come sempre. Nell’enorme spazio BMW stanno ancora scaricando i camion bmw.jpgmezzi dai camion che hanno raggiunto solo ieri Mar del Plata. Stephane Peterhansel è in assoluto il pilota più intervistato ed addirittura un quotidiano indiano, in lingua inglese, ha pubblicato una lunga intervista con il pilota francese. Ci vogliono intanto, cent’occhi per tutta la città perchè i ladri sono già in azione: proprio ieri il copilota Bmw, Jean Marc Fortin nella hall dell’albergo ha assistito al furto della sua borsa contenente il computer. Il tempo di girarsi e la borsa poggiata a terra non c’era più. Con la coda dell’occhio ha visto un tizio che correva fuori dall’hotel ed è scattato l’inseguimento. Finito a favore di Jean Marc che ha recuperato la sua sacca e tutto il contenuto.

Dakar 2012: cominciano le danze !ultima modifica: 2011-12-29T15:51:46+01:00da elicara
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento