Lo squadrone Husqvarna alla Dakar 2012

husqvarna.JPGAspettavamo notizie da questo squadrone e sono arrivate, fresche fresche, proprio ieri al momento della sua presentazione al Salone di Parigi. Eccolo qui : Husqvarna Rallye Team by Speedbrain.

Una sfida nella sfida, composta da 5 moto. Per la precisione 5 Husqvarna TE 449 RR sviluppate da Speedbrain. A pilotarle sono stati chiamati 5 piloti provenienti da 4 Paesi diversi. David Fretignè, Francia, Paulo Goncalves, Portogallo, Joan husqvarna alla dakar 2012Barreda, Spagna e due brasiliani, Zè Helio e Ike Klaumann. Insieme a loro ci saranno ben 11 meccanici provenienti da 8 Paesi differenti. Insomma una vera squadra poliedrica, poliglotta ed internazionale che si prepara a sfidare i grandi del rally raid, con una moto che nasce apposta per questa missione.

La moto deriva dall’esperienza e soprattutto da diverse parti di due ottime moto e cioè la 449 della Husqvarna appunto, e la Bmw G 450 X. Ma il lavoro è stato tanto, tantissimo, e ha richiesto più tempo del previsto tanto è vero che le moto raggiungeranno Buenos Aires in aereo e non in nave come la maggior partemotore husqvarna.JPG degli altri team. Si tratta di un monocilindrico, 4 tempi, raffreddato ad acqua, con forcella WP Upside-down, una velocità massima di 175 km/h e un peso di 137 kg. Qui accanto avete il pdf della scheda tecnica se volete saperne qualcosa in più.scheda tecnica husqvi.pdf

Lo scorso anno al via si presentarono in sella alla Bmw Verhoeven, Bianchi Prata, Ze Helio e Paulo Goncalves – questi ultimi due mantenuti nella squadra – e si dichiararono entusiasti della moto, soprattutto sotto il punto di vista leggerezza e maneggevolezza. Ricordo ancora l’olandese Verhoeven alla partenza in Avenida 9 de Julio mentre diceva che non aveva mai provato una moto così leggera.

L’esperienza dello scorso anno che portò due piloti, Frans stesso e Paulo, a vincere una speciale per ognuno, confermo ai tedeschi che la strada intrapresa era quella giusta e quest’anno sono alla Dakar per dimostrare che si può fare ancora di meglio.

Ma diamo un’occhiata più da vicino ai piloti. David Fretignè lo conoscono tutti ed è un ragazzo, classe 1970, incredibile. La sua passione e la sua forza di volontà difficilmente trovano uguali in questo mondo. Gli ultimi anni per lui sono stati difficilissimi. La sfida con Yamaha, il terzo gradino del podio nel 2009 alla Dakar, poi la delusione dalla stessa Casa che lo lascia a piedi, la ricerca di una moto e i due incidenti, brutti, difficili per la riabilitazione e le lunghe fisioterapie. L’ultimo ad agosto e molti dissero che era la fine della carriera per lui. Ma come un vero gladiatore David si è risollevato e nonostante il dolore e la lentezza della ripresa fisica si è allenato fino ad arrivare oggi a correre di nuovo, a soli 3 mesi dall’ultimo incidente, quello del Sertoes in Brasile. “Non avevo mai avuto un incidente serio in vita mia – raccontava nei giorni scorsi David – e poi nello spazio di un anno ne ho avuti due, uno più grave dell’altro. La mia capacità di ripresa e la velocità con cui mi sono rimesso in piedi ha sorpreso tutti, a cominciare dai miei amici e parenti, fino ai dottori”. E’ determinato ad arrivare in fondo, visto anche il 5° posto del 2010 e conferma che “per me è già un trionfo essere alla partenza di questa 33. Dakar visto quello che mi è capitato e sono molto ottimista perchè questa è una buonissima moto e so che potrà consentirci un buon risultato finale”.

Insieme al francese ci sono appunto Paulo Goncalves che già lo scorso anno aveva corso, in sella alla Bmw 450 con il brasiliano Ze Helio, ma soprattutto c’è quel pazzoide e simpaticissimo pilota che risponde al nome di Joan Barreda, uno degli altri nascenti di questa disciplina. A chiudere il gruppo c’è appunto l’altro brasiliano – nonostante il nome – ed è il più giovane del gruppo con i suoi 24 anni. Si chiama Ike Klaumann – qualcuno lo avrà notato al Rally do Sertoes – e nel 2007, quando a vent’anni si portò a casa una medaglia d’oro alla Sei Giorni in Cile. 

Lo squadrone Husqvarna alla Dakar 2012ultima modifica: 2011-11-30T20:14:00+01:00da elicara
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento