Paolo Ceci e il suo obiettivo: stare nei primi dieci

Se si sfoglia l’opuscolo che ha creato il team Bordone Ferrari (consegnato alla conferenza stampa di novembre)e che parla del progetto Dakar 2012 e dei suoi piloti, la pagina dedicata a Paolo Ceci è la più ricca.

Il suo curriculum quasi non ci stava nella paginetta riservata a questo pilota che è nato nell’ottobre del 1975 – stesso anno del compagno di squadra, Alessandro Botturi – e che conquista titoli dal 1994. La sua storia comincia nel campionato regionale, fra i Cadetti, e poi nel 1999 arrivano i risultati dal Campionato Motorally e da quello Raid Marathon. Corre con Collina Motori, poi con Rigo Moto, poi con KL Kawasaki, poi passa ad Aprilia. Ed è proprio con la moto italiana paolo ceci alla dakar 2012,paolo ceci,team bordone ferrari,paolo ceci su ktm 450 alla dakar 2012che fa la sua prima Dakar, nel 2010. Una gara bella in cui Paolo non commette errori e conquista, giorno dopo giorno, nonostante qualche problemino, la quattordicesima posizione assoluta. davanti – pensate un po’ – per soli tre minuti, a Marc Coma che quell’anno visse varie vicissitudini come tutti ricorderanno. 

Oggi Paolo riparte e non avrebbe rinunciato per nulla al mondo a questa Dakar. Si era già iscritto in tempi non sospetti, senza ancora la certezza della moto, dopo un campionato Motorally disputato con successo in sella alla Beta del Team Dirt Racing. “Avevo in effetti più di una possibilità di correre alla Dakar: mi avevano contattato da più parti. Per cominciare in Aprilia, chiedendomi di fare il portacqua di Lopez (ruolo che poi è stato affidato a Duclos), ed ero anche andato in Francia a provare le Sherco, insieme a Frans Verhoeven. E non ultimo stavamo cercando di vedere se anche con Beta riuscivamo a fare qualcosa. La prima tranche dell’iscrizione me la sono pagata da solo perchè ci credevo e volevo fare questa gara a tutti i costi”. Poi è arrivato il nuovo team e soprattutto il passaggio per Paolo neiPaolo Ceci alla Dakar 2012, Paolo Ceci, team Bordone Ferrari, Paolo Ceci su Ktm 450 alla Dakar 2012, professionisti. “Sono molto grato a Renato Ferrari per avermi dato questa possibilità. Per me è la prima volta che affronto questa gara da professionista, e non solo. Il programma che abbiamo stilato parla di 2 Dakar, la prossima e quella del 2013, e di un intero Campionato Cross Country FIM ed è sicuramente importante”. E poi parla – come ha fatto anche durante la conferenza stampa di Milano – dei risultati. “Il mio obiettivo è sicuramente quello di migliorare il risultato precedente e quindi, calcolando che avevo fatto 14°, bisognerebbe riuscire a stare entro i primi dieci. Però penso che partirò con la testa, concentrato, tappa per tappa, cercando soprattutto di non fare cavolate e so che se non le faccio sono capace di navigare bene e quindi posso starci in quella posizione”.

Dita incrociate dunque, per la seconda Dakar di Paolo Ceci in sella a questa Ktm 450 che ha già provato e con la quale si trova benissimo. Ma sentiamolo raccontato direttamente dalla sua voce  : 
 http://quellidellafrica.myblog.it/media/02/02/54497607.wma

 

Paolo Ceci e il suo obiettivo: stare nei primi dieciultima modifica: 2011-11-27T21:30:04+01:00da elicara
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento