Kuba e Schless i più veloci oggi

Non è stata una speciale facile, nonostante il sole sia finalmente tornato a splendere a Ksar Ghilane, portandosi dietro anche un bel caldo! La prova era quella che si sarebbe dovuta correre ieri, sospesa per la tempesta di sabbia, quindi 196 chilometri fatti di sabbia, sabbia, dune e dune. 196 perchè stamattina al via, avvenuto con 45′ di anticipo sull’orario previsto per il gran caldo, è stato annunciato un taglio di una decina di chilometri alla speciale.

Non è stata una speciale facile, nonostante il sole sia finalmente tornato a splendere a Ksar Ghilane, portandosi dietro anche un bel caldo! La prova era quella che si sarebbe dovuta correre ieri, sospesa per la tempesta di sabbia, quindi 196 chilometri fatti di sabbia, sabbia, dune e dune. 196 perchè stamattina al via, avvenuto con 45′ di anticipo sull’orario previsto per il gran caldo, è stato annunciato un taglio di una decina di chilometri alla speciale.

Molte di queste dune, almeno a giudicare dalle condizioni della auto al traguardo, erano tagliate. Ogni equipaggio è arrivato con qualche traccia qua e là dei salti giù dalle dune. Nani Roma ha toccato la fiancata destra, nell’anteriore, Novitskiy ha rovinato il muso della Bmw ed anche Schlesser aveva qualche segno evidente sul bmw leonid.JPGposteriore, tanto che si sta cercando di capire se i due si siano – per caso – toccati in speciale. Di certo c’è che al traguardo il russo, Leonid, e Jean Louis si sono abbracciati e scambiati pacche sulla schiena e questo fa sospettare che in effetti fra i due, di proposito o no, ci sia stato un contatto, finito poi amichevolmente.

Ad ogni modo Schlesser ha vinto la speciale, per le 4 ruote mentre Jakub Przygonski si è preso la soddisfazione di portare a casa la prima vittoria di speciale in sella alla sua Ktm, rifilando solo 1′.42″ a Lopez, su Aprilia. Terzo posto per Helder Rodrigues – Yamaha – che ha preceduto il compagno di squadra Jordi Viladoms.

Manuel Lucchese chiude in settima posizione assoluta di tappa.

Schless invece si è imposto per 2’13” su Novitsky. Da qui in poi si alzano i distacchi, Miroslav Zapletal, su Bmw privata, è arrivato terzo a 20’40” dal primo, mentre per trovare il primo italiano e cioè Franco Grigoletto arriviamo all’ottava posizione. Checco Tonetti è decimo a 2 ore dal vincitore. Nani Roma è arrivato con un ritardo di 37’11″dal primo, un ritardo causato appunto dal problema occorso su una duna alla sua X3. Sfortunata Eugeniè Decrè alla sua prima gara da pilota: anche lei ha patito un po’ sulle dune arrivando a danneggiare la sua sospensione anteriore destra ed è stata costretta a restare ferma in speciale in attesa della sua assistenza.

Kuba e Schless i più veloci oggiultima modifica: 2011-05-03T14:55:00+02:00da elicara
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento