Sorprese, sorprese, sorprese

E’ vero che la Pasqua è passata da qualche giorno, ma le sorprese non sono finite ! E non sono quelle che si trovano dentro l’uovo di cioccolata. Il Rally di Tunisia sta affrontando in questi minuti le sue verifiche amministrative e tecniche e ogni minuto ospita una notizia. La prima è tutta italiana ed è il cambiamento al volante della Nissan Pathfinder della Tecnosport.

E’ vero che la Pasqua è passata da qualche giorno, ma le sorprese non sono finite ! E non sono quelle che si trovano dentro l’uovo di cioccolata. Il Rally di Tunisia sta affrontando in questi minuti le sue verifiche amministrative e tecniche e ogni minuto ospita una notizia. La prima è tutta italiana ed è il cambiamento al volante della Nissanfoto.JPG Pathfinder della Tecnosport. All’ultimo istante, sempre in forse per i dolori alla sua schiena, Maurizio Traglio ha deciso di non partire e ha lasciato il posto a Checco Tonetti che ha accettato ben volentieri di provare questa vettura che cambia anche livrea e da nera che era, diventa tutta rossa. Checco salirà accanto a Fabien Lurquin, copilota di Traglio già confermato e si cimenterà in quella gara che due anni fa gli regalò un bel nono posto assoluto con un Bowler Wildcat. Se, visto il non altissimo numero di concorrenti, seppur di ottimo livello, la gara poteva apparire sulla carta, facile, a rendere complicate le cose sono arrivate due sorprese. La prima riguarda niente meno che Nani Roma. Il pilota catalano correrà in Tunisia con una Bmw ufficiale, X3, con ogni probabilità team%20xraid%20baja%20copier.jpgquella che aveva il suo amico e collega Stephane Peterhansel alla Dakar. E’ stata una decisione dell’ultimo minuto e davvero sorprendente visto che Nani era in cerca da tempo di un mezzo e ora si ritrova al volante di una Bmw Monster Energy. D’altra parte non è una novità che fra Sven Quandt e Nani corra un ottimo rapporto: basta pensare alla Baja di Saragozza del 2010 che Roma aveva corso con lo stesso mezzo e anche alla Dakar 2010. La parentesi con la Nissan Overdrive alla Dakar 2011 finita male e troppo presto, resterà un episodio nella vita e nella carriera del pilota catalano che a questo punto potrebbe davvero pensare di prolungare il suo rapporto con la X Raid. Accanto a Nani ci sarà Michel Perin.

Chissà se Leonid Novitskiy, attuale leader della classifica di Coppa del Mondo, e vincitore dello stesso titolo nel 2010 è contento di tutte ‘ste novità che in effetti vengono a complicargli un pochino la vita. E’ vero però che sono estemporanee: “Peter” ha corso e vinto ad Abu Dhabi ma qui non c’è: Nani arriva adesso e ha saltato le prime due dell’anno e del calendario mentre il russo, insieme ad Andreas Schulz, c’è sempre. E’ insomma, una presenza costante nelle gare in calendario mondiale.

L’altra novità riguarda il cileno Boris (strano nome per un cileno ?!) Garafulic che ha firmato un contratto di noleggio e correrà in Tunisia con un’altra Bmw X3, sempre una di quelle utilizzate alla Dakar. Il cileno aveva corso alla Dakar 2011, sua prima avventura nel rally tout terrain e vuole continuare. Per questo ha scelto di allenarsi sulle dune e nella sabbia tunisina, per arrivare al meglio alla prossima Dakar. IL bello è che se si legge il comunicato della Bmw X Raid Garafulic appare come un bravo pilota che ha ottenuto un ottimo risultato alla Dakar. Così io mi sono andata a rivedere la classifica finale della gara ma non ho trovato il suo nome e ad una ricerca più accurata invece ho scoperto che – e c’è voluto più di un attimo – Boris, numero 330 con Nissan Overdrive non è andato oltre la settimana di gara. Ha ottenuto un 32° posto assoluto nelle prime due tappe e poi è risalito fino ad un 14° posto di speciale conquistando il 12° in generale, ma poi ad Antofagasta si è ritirato. Insomma il piede c’è, ora vediamo se riesce a dosarlo ! Ah sì, dimenticavo, se andate su Wikipedia non vi spaventate perchè dice che Boris è morto nel 2008, affetto dal morbo di Alzhaimer: è solo un caso di omonimia con un grande pilota cileno del passato, nato nel 1927.

Sorprese, sorprese, sorpreseultima modifica: 2011-04-30T09:50:00+02:00da elicara
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento