Cambiamenti all’interno di ASO

Non si può dire che le cose non si stiano muovendo all’interno di ASO. Nell’ultimo mese ci sono stati diversi cambiamenti all’interno, persone che se ne vanno ed altre che salgono e scalano la piramide del comando.

Non si può dire che le cose non si stiano muovendo all’interno di ASO. Nell’ultimo mese ci sono stati diversi cambiamenti all’interno, persone che se ne vanno ed altre che salgono e scalano la piramide del comando. Etienne Lavigne è sempre saldamente al suo posto nonostante tante voci continuino sempre a dire che se ne sta per andare. In realtà, personalmente, passata la burrasca al termine della prima Dakar in Sud America non ho più visto vacillare la posizione di Etienne: al contrario, lo vedo sempre più stabile nella sua leadership.

Chi invece se n’è andato, non si sa bene perchè e per come, è Frederic Lequien, direttore aggiunto della Dakar, responsabile del Silk Way Rally. I giornali francesi, e i siti internet, hanno dato la notizia a fine marzo, rimarcando un certo dispiacere per la sua partenza dal gruppo. Io invece, non ne sono affatto dispiaciuta. Non è un segreto il mio cattivo rapporto con quest’uomo che, arrivato da pochissimo ad Aso, senza assolutamente le conoscenze adeguate del mondo dei rally raid, si è comportanto spesso con arroganza e supponenza facendo finta di capire e condividere problematiche con team e piloti che in realtà , sempre secondo me, neanche lo sfioravano. Mi sono ritrovata a fargli un’intervista alla fine del Silk Way Rally lo scorso anno che – alla fine – non ho neanche pubblicato vista la povera figura fatta da questa persona assolutamente all’oscuro di quelle realtà che negli ultimi vent’anni hanno contribuito a far crescere i rally raid. Faccio un solo esempio: ad una domanda relativa alla Baja di Saragozza e al fatto che spostare il Silk Way Rally a luglio avrebbe potuto nuocere alla prova spagnola, valida fra l’altro per la Coppa del Mondo FIA, lui mi guardò interrogativamente chiedendomi, “che cos’è la Baja di Saragozza?”

Non credo quindi che mi mancherà questo signore alla Aso, anzi. Al posto suo non è ancora chiaro chi verrà, però sulla Dakar in Sud America quest’anno si è visto girare David Serieys, responsabile logistico, in passato, del team ufficiale Mitsubishi. David, è il fratello di Dominique, ex team manager Mitsubishi e di seguito JMB Stradale, ed david serieys.jpgha sempre lavorato benissimo. Alla Dakar David mi disse che avrebbe preso in mano il Silk Way occupandosi del coordinamento tecnico logistico e sportivo e mi ricordo che gli dissi di stare attento e farsi coraggio perchè sarebbe stata una missione delicata e impegnativa. Lui sorrise e mi disse che era pronto.

Sono davvero felice per David, a cui vanno tutti i miei auguri e in bocca al lupo e sono sicura che la sua esperienza, il suo sorriso, e la sua tenacia saranno armi davvero importanti ai fini dell’organizzazione del Silk Way Rally e non solo. Insomma credo che i russi, oltre ad ASO, abbiano fatto un ottimo affare.

Infine due righe anche per Virginie Soulaire. Magari alcuni di voi non la conoscono, ma è stata per anni il braccio destro di Patrick Zaniroli in ASO, è rimasta anche dopo che lui se n’era andato e al PC Course la sua presenza non è mai stata messa in dubbio, pedina importante nella direzione di gara sia alla Dakar che al Silk Way. Anche Virginie ha lasciato ASO e sinceramente questa notizia mi ha davvero sorpreso. Non so cosa l’abbia portata a questa decisione anche perchè la famiglia non è mai stata un limite per Virginie che ha sempre potuto contare sull’aiuto di mamma Françoise. Cercherò di saperne di più ! 

Cambiamenti all’interno di ASOultima modifica: 2011-04-15T09:09:43+02:00da elicara
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento