Seconda tappa, Coma attacca

Partendo più indietro era quasi scontato che Marc Coma oggi avrebbe portato la sua Ktm al successo. Anche perchè lo aveva pronosticato alla partenza e così è stato. Ha dominato la tappa, percorso misto, con pietraie, sabbia, qualche difficoltà di navigazione, ed è arrivato vincitore al bivacco di Bir Karaween infliggendo un distacco di 7′.15″ al bravissimo Joan Barreda. Il suo avversario numero uno per il titolo, Jakub  Przygonski ha chiuso al terzo posto davanti a Chaleco che è ancora in testa alla generale. Helder ha conquistato il quinto posto di giornata mentre Zanotti è sesto, Graziani decimo. Bravo Ivan Boano, in forma smagliante che oggi ha ottenuto un 12° posto assoluto e che se la cava bene non solo in moto – su questo non c’erano dubbi – ma anche con la navigazione che oggi ha tratto in inganno più di qualcuno.

L’argentino Marcos Patronelli è il quad più veloce, a dimostrazione che è anche bravo ! E in Egitto si diverte. Tim Trenker (per rimanere in tema di belli!) è nono di tappa con un ritmo costante. Non vuole prendere rischi, per lui quello che conta è arrivare in fondo e portare a casa un bel risultato nel campionato. La sua storia come dicevo è particolare perchè Tim debuttò in Egitto, sua prima gara, nel 1993, quindi ancora con la gestione Fenouil. Poi inviò la sua moto dal Dubai via corriere in Egitto nel 2001 e non corse perchè non riuscì a sdoganarla in tempo…E allora quest’anno come ha fatto? Facile ha fatto il giro del mondo con uno spedizioniere: partenza da Dubai, via aerea su Malpensa, via terra su Venezia, e via nave fino ad Alessandria. Stesso prezzo ma almeno questa volta la sicurezza della dogana e la possibilità per lui di correre!

Altre storie da raccontare per esempio quella di Massimo Chinaglia, ovviamente in gara con il DSCN4810.JPGsuo mitico Gilerone. Ieri è partito in speciale convinto di aver montato la mousse sulla sua gomma posteriore, a casa. E invece no, aveva montato la camera d’aria e così dopo dieci chilometri è rimasto a piedi, gomma a terra! Lavora, lavora, lavora e finalmente riparte, ma ha perso un sacco di tempo !

Federico Ghitti è costante nella sua ventesima posizione: ieri e oggi nella classifica di tappa ma dice che non si diverte perchè questo rally è tutto dritto. Domani cominciano le dune vere, vedremo !

Seconda tappa, Coma attaccaultima modifica: 2010-10-05T17:52:00+02:00da elicara
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento