Il cirillico…indecifrabile !

Uno dei principali vincoli della Russia è la lingua. Per una chiara scelta governativa e quindi direi politica, in Russia sempre meno persone parlano una seconda lingua e di conseguenza comunicare è difficilissimo. Nell’albergo a cinque stelle in cui siamo stati per esempio, tutti parlavano perfettamente l’inglese, da chi ti portava in camera il bagaglio agli addetti alla reception – un po’ meno al ristorante – ma tutto, proprio tutto era scritto unicamente in russo. In camera, ogni tipo di comunicazione era in russo, ed anche il listino prezzi per esempio, del piccolo shop di souvenir era in russo, per cui ci voleva qualcuno che te lo traducesse.

Lo stesso all’aeroporto di Sochi, dove anche lo stesso slogan delle Olimpiadi invernali 2014 è solo in russo e mi rodo dalla curiosità di sapere che cosa dice. I pullman che portano i passeggeri dal gate all’aereo sono già dedicati alle Olimpiadi e sono davvero belli, peccato che tutto sia scritto solo in russo. Ma com’è possibile mi chiedo? Un evento internazionale come solo le Olimpiadi sanno essere non riporta uno slogan in inglese????

Davvero incredibile. Il fatto è che questo limite è davvero pesante perché anche moltissimi giovani, e fra loro sono rimasta stupita anche da diversi giornalisti, faticano a mettere in fila 4 parole di inglese. Mi sono chiesta se lo insegnino nelle scuole ma lo smarrimento dei bambini di 10 anni davanti a semplici domande in inglese mi ha fatto pensare che forse non è così.

Nelle stazioni di servizio, con gli agenti di polizia, con gli uffici pubblici, con i negozi ogni tipo di contatto è impossibile. Non ti capiscono e anche se si sforzano, le due lingue sono così diverse che non ne viene fuori nulla ! In molte zone più interne i cartelli sono assolutamente scritti solo in cirillico e in questi giorni abbiamo fatto un buon esercizio per decifrarli, grazie comunque anche all’Atlante stradale in russo che ci ha dato una bella mano.

Il cirillico…indecifrabile !ultima modifica: 2010-09-21T20:36:08+02:00da elicara
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento