Le altre posizioni in classifica

Oltre alle prime tre Volkswagen sono arrivate al termine della seconda edizione del silk Way Rally altre 26 vetture, per un totale dunque al traguardo di 29 vetture su 43 partite da San Pietroburgo. La quarta posizione per quanto riguarda le vetture è andata al buggy di Matthias Khale proprio quello stesso che l’organizzazione DSC_2006.JPGaveva dichiarato ritirato nei suoi comunicati stampa.  In effetti qualche dubbio ci era venuto a tutti vedendo che il buggy appariva comunque in classifica e che la sera e la notte tre il 17 e il 18 i suoi meccanici hanno lavorato a lungo sul mezzo, uno dei buggy creati da Philippe Gache per rimetterlo in grado ddi continuare la corsa. E così è stato e il tedesco si è tolto la soddisfazione di arrivare quarto assoluto. Ora dovrebbe presentarsi alla Dakar con questo stesso mezzo, del quale stava testando in questa gara l’affidabilità e la potenza, ma nello stesso tempo il suo team che è il Deutsche Hamburger Software sta lavorando anche su una Mercedes che dovrebber fare ilsuo debutto proprio in Argentina e che sembra essere un mezzo molto interessante, al punto che ne avevano parlato con Nani Roma al momento sprovvisto di un mezzo, e alla ricerca di una vettura e di un ingaggio per correre alla Dakar 2011.

La quinta posizione invece va al numero 121 – Dzhepaev-Kuzmich – e cioè alla Uaz nera, pick up alla quale tuttiDSC_2007.JPG non avevamo dato due giorni di sopravvivenza, e invece la vettura si è difesa bene fin dalle prime battute della gara e ha soffiato il primo posto per gli equipaggi russi al pick up denominato Nissan Frontier Crew che lo aveva detenuto fino a quel momento, quello dei russi Mironenko-Lebedev.  Quest’equipaggio ha pagato cara l’ultima speciale di ieri che in 16 chilometri contava esattamente 24 guadi, ed era tutta lungo il fiume. Entrati troppo forte in un corso d’acqua hanno assistito allo spegnimento della vettura e quando sono riusciti a ripartire avevano perso posizione e trofeo. Hanno chiuso in settima posizione da quarti o quinti che erano. Erano talmente arrabbiati che sul podio non volevano neanche scendere dalla macchina.

Berkut invece, con il suo Pajero ex ufficiale della Mitusbishi nel 2007 non è riuscito ad andare oltre la 9. posizione, complici qualche botta recuperata in speciale che ha finito per compromettere la stabilità del mezzo.

Le altre posizioni in classificaultima modifica: 2010-09-19T07:10:55+02:00da elicara
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento