Holowczyc vince a Pordenone e si rifà dell’esclusione dalla Russia

DSCN2226.JPGL’Italian Baja era la terza gara in calendario – nonostante sia solo marzo – valida per l’International Fia Cup Baja Cross Country e in tre giorni ha visto primeggiare il polacco Holowczyc, al volante di una Nissan del team OverDrive. In realtà, come ha ammesso lo stesso pilota, il ritiro del russo Gadasin con la sua G Force Proto lo ha favorito ma in ogni caso il polacco ci ha messo del suo per vincere una gara molto bella, veloce e scorrevole ma come sempre, e come da tradizione, caratterizzata dai greti e dalle pietraie tipiche di questa zona.

“Holo” batte il russo Novitskiy, su G Force Proto per 3′.49″ e l’ungherese Fazekas su Bmw X5 staccato di 7′.54″ dal primo. Ma uscendo dai confini tutti concentrati all’Est Europa di questa coppa Baja la gara rappresentava anche il primo appuntamento per i nostri piloti ed equipaggi italiani, al via del Campionato Italiano Cross Country. Il migliore è stato Giovanni Manfrinato che con il prototipo Renault Megane ha sbaragliato gli avversari dopo un braccio di ferro simpatico ed agguerrito con Maurizio Traglio, ottavo assoluto su Nissan. “Per me era importante arrivare in fondo a questa gara – spiegava a fine gara Maurizio, copilotato dalla bravissima Erika Pajer di Pordenone – dopo il ritiro della Dakar, (causato dalla rottura del motore dopo il primo trasferimento argentino) e la sfortunata prova in Tunisia (ritirato dopo tre tappe per un altro problema tecnico) volevo provare a me stesso che ero ancora capace di guidare”. Traglio non ha forzato, ha guidato con un buon ritmo, pagando anche la scelta sbagliata delle gomme, non adatte al fondo. Il secondo posto nella classifica italiana quindi gli dà fiducia nel futuro, che lo vedrà prossimamente in Tunisia.

Proseguendo nella classifica tricolore si trova Mario Ricci, su Nissan, seguito da Valentino Bombelli, vincitore della classe T2 e Alex De Angelis al suo esordio sulla Suzuki Grand Vitara, accanto al suo copilota, il mitico Stefano Fabiano, ritornato al tout terrain dopo lo stop di oltre un anno. Il primo Pajero del team di Renato Rickler al traguardo è quello di Gianluca Tassi, quindicesimo assoluto, ma sesto assoluto nella classifica italiana.

Holowczyc vince a Pordenone e si rifà dell’esclusione dalla Russiaultima modifica: 2010-03-21T20:20:00+01:00da elicara
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento