Tunisia Desert Cup

Al di fuori di tutti i calendari mondiali e non, c’è poi la prima edizione della Tunisia Desert Cup. Si tratta di una gara ideata da Ciro De Petri, sull’onda del successo dell’Enduro di Carthage, che si corse lo scorso novembre in Tunisia.

La formula è molto simile ma sicuramente la seconda iniziativa del grande campione africano è un po’ più leggera. Il regolamento è semplice. A Douz, alle porte del deserto, nel sud della Tunisia, la gara si correrà nella sola giornata di sabato con partenza alle 10 di mattina. Un percorso di 17 chilometri andrà coperto più volte, per un totale di 3 ore di competizione. Ci saranno controlli timbro lungo il percorso e anche un punto assistenza dove i piloti troveranno le taniche per fare benzina ai propri mezzi. Il viaggio comincerà il 4 marzo da Malpensa dove ci si ritroverà tutti per andare in aereo a Touzeur, e da lì, si scenderà a Douz dove venerdì mattina i mezzi verranno sottoposti alle verifiche amministrative e tecniche.

Sabato gara, e nella serata premiazione in modo tale che il giorno dopo, domenica, si torni tutti a casa, in Italia.

Quattro giorni di Africa dunque, ad un prezzo eccezionale visto che il pernottamento sarà in un hotel 4 stelle con Wellness Spa. 750 euro per i piloti e 350 per gli accompagnatori. Questo il segreto di una nuova formula che De Petri sta mettendo in opera anche per altri Paesi visto che a fine aprile una competizione del genere dovrebbe corrersi, sempre sotto la sua super visione, in Kuwait.

Alla Tunisia Desert Cup prenderanno parte alcuni assi dell’enduro mondiale ed italiano, a cominciare da Bastosz Oblucki – vincitore dell’enduro di Carthage – a Matti Seistola, tutti e due su Husqvarna. Ci sarà anche Alex Belometti, secondo a novembre, in sella ad una Ktm ufficiale e ci sarà anche il giovanissimo Giacomo Redondi, crossista emergente.

A difendere il mondo dei rally raid ci saranno Silvia Giannetti e Fabrizio Mugnaioli che vengono in Tunisia per sgarnchirsi un po’ dopo le fatiche della Dakar 2010.

Tunisia Desert Cupultima modifica: 2010-02-24T13:18:11+01:00da elicara
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento