Aprilia, unica Casa ufficiale

Aso – società organizzatrice della Dakar – li tiene in palmo di mano. Nel comunicato ufficiale Aso conseguente alla conferenza stampa di novembre Aprilia era in prima linea, primi ad essere citati nella categoria delle moto. Tutto questo è naturale perchè la Casa di Noale è l’uica Casa ufficiale presente alla gara 2010. Ktm non è più in forma ufficiale ma con dei team satellite che schierano Marc Coma, o Cyril Despres. Anche la Bmw non è in forma ufficiale con Verhoven, e la stessa Yamaha di Fretigne non si sbilancia anche se appoggia il pilota sia nello sviluppo della moto che nei pezzi, con un team però assolutamente gestito in toto dal francese.

“Dopo il Pharaons rally, in Egitto, e quindi a metà ottobre – spoega Luigi Dall’Igna, responsabile Aprilia R&d Road Racing – abbiamo cominciato le nostre attività come Aprilia Racing. E’ il primo anno che la Casa si occupa di off road. Da gennaio abbiamo cominciato con il cross e da agosto con enduro e rally. Abbiamo raccolto lo sviluppo fatto finora dal team Giofil e dopo il Faraoni abbiamo cominciato a metterci del nostro”. E da qui si comincia a parlare di test e di sviluppo: “Dopo la gara in Egitto abbiamo modificato la moto e abbiamo provato alcuni pezzi che sono stati costruiti appositamente, per l’evoluzione della moto del Faraoni. Questa è la prima uscita vera che facciamo – ci tiene a sottolineare Dall’Igna – e quello che vogliamo raccogliere da questa gara – così importante – è l’esperienza in modo tale da poterla poi utilizzare nel futuro, in gare analoghe, dakar 2011 piuttosto che mondiale tout terrain”.

E prosegue : “Per Aso è importante la presenza di Aprilia come Casa ufficiale ma ci tengo a sottolineare che per noi questa è la prima esperienza alla Dakar. Per me, e per noi, l’importante è fare esperienza in vista delle altre Dakar e del futuro. Si tratta di una gara così impegnativa e piena di sorprese che è facile incappare in imprevisti e noi abbiamo poca esperienza sul campo. Sull’off road abbiamo fatto importanti passi avanti, nel cross abbiamo fatto progressi importanti però, ripeto, in una gara come questa l’esperienza è la cosa più importante e noi ancora non l’abbiamo”. E conclude sottolineando i meriti del team Giofil: “Abbiamo raccolto l’eredità di Filippo Assirelli. Noi siamo alla Dakar grazie a tutta l’attività che Assirelli ha fatto negli anni precedenti sui rally. Aver ottenuto buoni risultati sul Faraoni del 2008 e del 2009 è sicuramente qualcosa che ci ha invogliato a continuare e ad impegnarci direttamente”.

Aprilia, unica Casa ufficialeultima modifica: 2009-12-12T10:36:00+01:00da elicara
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento